Manovra, Dombrovskis: bene cambio toni. Goldman Sachs: Italia rischio recessione

Manovra, Dombrovskis: bene cambio toni. Goldman Sachs: Italia rischio recessione

Il vicepresidente della Commissione Europea in un'intervista sottolinea che l'Italia per evitare la procedura di infrazione deve fare un piccolo sforzo strutturale positivo. La banca d'affari ribadisce: l'Italia getta una nube scura sui mercati europei

L'Italia è fra i rischi che potrebbero complicare più del previsto lo scenario di mercato europeo nel 2019, con «la crisi di bilancio che rimane irrisolta e l'economia italiana che ci aspettiamo flirterà con la recessione all'inizio del prossimo anno». A delineare il quadro è Goldman Sachs in un rapporto sull'«Atterraggio» della crescita mondiale, nel quale conferma la stima di una crescita italiana ferma allo 0,4% il prossimo anno contro l'1% del consensus delle analisi. «L'Italia getta una nube scura» sullo scenario dei mercati in Europa, e «le cose potrebbero dover peggiorare prima di vedere un miglioramento», ammonisce ancora la banca americana, mostrandosi scettica sulla capacità di Bruxelles o Roma di «cambiare rotta» nella trattativa sul bilancio. Gli analisti «si aspettano che il più probabile catalizzatore per un ritorno alla disciplina di bilancio sia un'ulteriore pressione dei mercati» e «una volta che la nebbia si sarà diradata vediamo diverse ragioni per rimanere strategicamente costruttivi», è il consiglio che Goldman Sachs dà agli investitori.
Una risposta arriva da Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria. «Le previsioni di Goldman Sachs sono premature», ha detto all'inaugurazione dell'anno accademico del Politecnico di Torino, prima di recarsi alla manifestazione Si tav del pomeriggio

L'intervista e i commenti

E mentre la banca d'affari si mostra ansiosa sul futuro dei conti italiani, a Roma cresce l'attesa del vertice tra i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini sulla correzione al deficit: previsto per la tarda serata di lunedì, potrebbe però saltare, avvertono voci parlamentari.
Un altro attacco all'Italia arriva nel frattempo da Bruxelles, prima dell’inizio dei lavori dell’Eurogruppo, previsti per il pomeriggio di lunedì. Se la Borsa, dal canto suo, lunedì mattina ha mostrato segnali di fiducia, aprendo in positivo di due punti percentuali (LEGGI QUI) a dimostrazione che la messa a punto di «quota 100» e reddito di cittadinanza, i due principali paletti della manovra giallo-verde, che potrebbero essere rivisti per permettere di abbassare il deficit fino al 2%, piace ai mercati, ad ammonire Roma ci pensa Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione Europea.

«La strategia del Governo italiano non sembra funzionare ed è importante che venga cambiata - ha detto Dombrovskis, sottolineando come la manovra era «pensata per essere uno stimolo e facilitare la crescita, invece questa non si sta materializzando mentre c’è un aumento considerevole dei rendimenti che comincia a pesare sull’economia reale, vediamo la difficoltà del settore bancario che restringe la disponibilità del credito, vediamo la fiducia che cala e questo impatta sugli investimenti quindi abbiamo rivisto al ribasso le stime di crescita».
Il vicepresidente della Commissione ha poi aggiunto che le previsioni di crescita del governo «sono troppo ottimistiche» e che la manovra del governo italiano non aiuta a rilanciare la crescita economica, che oggi è in una fase di rallentamento. Le scelte di bilancio compiute dal governo «non sembrano lavorare con per il rilancio dell’economia».
Per evitare una procedura per deficit eccessivo legata al debito l’Italia deve realizzare «un piccolo sforzo strutturale positivo, invece del deterioramento strutturale sostanziale come è ora», ha detto il vicepresidente in un’intervista a Bloomberg TV. Dombrovskis ha spiegato che sono in corso contatti «intensi» con le autorità italiane e che nel pomeriggio incontrerà il ministro dell’Economia, Giovanni Tria. «Quello che è positivo è che il tono della discussione è cambiato e che le autorità italiane segnalano che sono pronti a fare aggiustamenti», ha concluso. «La palla è nel campo dell'Italia» e «ora aspettiamo i passi concreti da parte italiana», ha quindi ribadito Dombrovskis, dopo un incontro bilaterale con il ministro dell'Economia, Giovanni Tria. «Abbiamo discusso di questo», ha spiegato Dombrovskis al suo arrivo all'Eurogruppo, ribadendo che «è necessario che ci sia un aggiustamento sostanziale» della manovra per il 2019

www.prensa.cancilleria.gob.ar es un sitio web oficial del Gobierno Argentino